Minimalista in crescita, pro e contro

Intraprendere questa scelta di vita è stato impegnativo.

Ho la percezione che anche chi mi è più vicino abbia notato quanti benifici dia questo modo di vivere più consapevole.

Mi hanno osservato da vicino e spesso tratto soddisfazione dal mio modo di organizzare (ad esempio casa), dal recuperare o rendere monetizzabile ciò che era da smaltire, o semplicemente dal creare spazio in un ambiente prima saturo e confusionario.


Nonostante ciò, ancora prevale la resistenza ad emulare un cambiamento positivo, rendendosi partecipi in prima persona.


Ciò è ancora facilmente percepibile anche nel resto della società.

Si banalizza tutto col terminre “riordinare“, nel dire “è la classica moda momentanea” o “si, ho capito i benefici, ma io mi trovo con i prodotti che uso sempre/nel modo in cui faccio sempre”.


La nostra società consumista ha radicato profondamente in noi un veleno: l’immobilità.


Crediamo di fare (acquistare per lo più) ogni giorno cosa nuove, di evolverci, e invece siamo sempre allo stesso punto.


Come semi in una terra troppo usurata, non cresciamo più.

Il terreno è ormai arido.


La pandemia per me è stato il tempo di riposo.

Il tempo di riposo che un contadino concede ad un terreno di riprendersi e tornare fertile.


Molte cose sono rimaste uguali, molte altre invece sono cambiate nel corso di quest’ anno, eppure rendermi conto che “meno è meglio” e con tenacia ricordarmi di applicarlo ogni giorno, è tutt’oggi una delle più grandi sfide di crescita personale della mia vita.


Ho davvero bisogno di? Posso farne a meno? Conto fino a due giorni e mi chiedo, voglio ancora questa cosa? Come posso vivere meglio? Cosa mi serve davvero per dare valore alle mie giornate?


Minimalismo per me è solo in parte, la bella casa arredata, magari in stile scandinavo, con legno e piante da interno.


Per me è aria. L’aria che cambia ogni qualvolta degli oggetti inutili escono in modo “circolare” da casa mia. Quando vanno nelle mani di qualcuno a cui serve davvero, o che ne ha bisogno, o semplicemente donato per un fine culturale o superiore.


E’ passato quasi un anno da questa personale scoperta, ed ancora non posso dire di aver terminato la transizione.


Cambiare punto di vista è più impegnativo che cambiare un mobile d’arredo o il colore di un muro.


Abbiate coraggio di scegliere ciò che vi fa stare bene.


Di dare ciò che non fa parte più della vostra vita a chi ne ha bisogno!


Avendo cura di voi stessi e della natura, ogni singolo giorno, sempre al massimo delle vostre possibilità. Ogni giorno un pò di più.


O almeno provateci!!


Daremo spazio ad un nuovo futuro, con meno cose, o perlomeno giustamente distribuite e faremo più spazio, per noi, per i fiori e per il verde!


Vi lascio qui due link di documentari che vi consiglio:

Al prossimo articolo!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...